Following the Sacred Deer.

We breathed heavily through the forest. Clouds of white steam came out of our mouth. Bows and arrows on the shoulders, the fast pace of our steps. We followed the trail of the Sacred Deer, Lord of the Woods, walking for days to his search.

We had interrogated the runes to know where to go. Where was Madim, the Sword of the Force, the weapon that carried the Ancient Warrior? The sword that had hidden the Druids in the forest.

The runes had answered us saying to look for the place where the Sacred Deer rests, down there, near the Source. The Sacred Deer, the Spirit of the Wood, the Keeper of the Forest. Nobody had ever seen him…

 

Sarah had searched him everywhere in her dreams. One night, while the light of the Full Moon illuminated the forest, she had finally seen it at the Master Fir. The Deer had looked her in the eye for an instant, and then he had run away.

Sarah had chased him along the path that runs along the Falcon’s Rock, along a long and tortuous path, only guided by the Deer’s smell of moss. As the leaves of the trees became more and more dense, the Scent of the Spirit of the Woods grew more intense and gave her direction.

In the end, she faced an obstacle she could not pass: a large triangular rock, with perfectly equal sides, and a smooth, polished surface wedged with indecipherable symbols.

The Deer was beyond the rock, she felt it. And the sword could not be distant. The last thing she heard before waking up was his bugling that seemed to mean: “Look for me here!”

 

We looked for a long time for the Master Fir, Sarah tried to remember the steps taken during the dream, and slowly, we found the way. The wind, from time to time, brought us an imperceptible fragrance like wild moss. Sarah accelerated the pace by saying, “This way! Soon!”

Then there was no longer any path, and the wood grew thicker, it touched us through the leaves of the brambles.

“Sarah, maybe we’re wrong … there’s nothing here!”

“We have to go on guys! I tell you it’s from here, I feel I have already taken these same steps. That stone is here somewhere. ”

Then, as it had become thick, the wood began to thin out, and we found ourselves in front of a torrent that flowed impetuously, strewn with smooth and colored stones. Sarah exclaimed:

“At the Source, guys, near the spring! We have to go up the stream. ”

The torrent
The Torrent

So, barefoot in the water, jumping from one stone to another we climbed the torrent, along rapids and pools of stagnant water, and finally we found ourselves at a point where the torrent widened and became a large lake. And there, beyond the fronds of an immense chestnut tree, one could see a large triangular rock. We had found it!

On the surface of the stone a long writing, a sequence of symbols that said something like

 

It is necessary to get up to the top to understand that the road was another …

 

Where was Madim? Moreover, why did the Sacred Deer direct us to this stone? What link did the triangular stone have with the Sword of the Force?

“We have to get on top!” Sarah said.

“And how? The stone is smooth, and we have no holds. ”

“We have to try to cover the sides, I think at the top of the stone there’s something the Deer wanted to indicate to us.” Sarah replied. “Take the rope!”

We threw the rope, binding it with a large smooth stone, up to the top of the triangular stone, passing behind its vertex, and making it fall down to our feet. So we could get up there, hoisted with the rope.

Sarah said, “Okay, let’s see what’s up there.”

Climbing up to the top, clinging to the rope, while we held her to the other end to support her, Sarah came up to the top.

“Guys, here’s a drawing! There is the big chestnut, the triangular stone, the pond, and another triangular stone with the inverted vertex, with a sword drawn above, exactly the other side of the lake. But on the other side of the lake there were nothing but trees.

“Wait!” Said Sarah. “It’s true that on the other side there are nothing but trees, but there is a long line of pines that have exactly the same height. We must try to go to the other side and see what’s underneath. ”

Suddenly, right next to those pines, a strange glint glittered in the air, and felt like a bugling, far away.

So, skirting the other side of the lake, we reached the long line of pine trees and discovered that they grew next to a line of smooth, white stone. Above the rock there was only a hill of soft soil.

Maybe we were wrong. Was the sword there, somewhere? There was no trace of the triangular stone with the inverted vertex. Our search was deadlocked.

Sitting on the white stone line, Sarah realized that the soft earth, came away easily, and thought that perhaps the triangular stone was not arranged vertically, as we expected …

She began to dig into the center of the white rock line, and saw that the earth came away easily, revealing a polished plane. At that point, she told us to dig the line of rock around, starting from the sides and we saw that under that layer of earth there was a triangular marble stone, in the center of which there was a drawing of a sword, surrounded by a snake that, forming a circle, ate its own tail.

“And now?” thought Sarah, “there’s only a drawing of a sword here.” Looking closer, she saw that the head of the snake was slightly raised from the stone, so she began to touch it, and lighting for a moment as if by intuition, she tried to turn it, and saw that a stone cylinder came out of the rock, above which this inscription was:

 

There is no metal sword

Which resists intact to the test of time.

Madim, the Sword of the Force,

Is the sword that you sharpen each time you accept a proof

And that you pursued it until its fulfillment.

 

This is the teaching:

There is no lasting strength reached with the path of ambition

The Warrior knows that the Force is not in the hilt or in the metal,

But in the Mind that governs the sword.

Whose strength is increased by looking inward.

 

A teaching of wisdom. Then there was no Madim? Or maybe Madim was just a symbol, the symbol of a force that feeds from within?

Sarah thought in his heart if our search was complete. And if she could bring that teaching with her. Looking inward. She thought. Was this the key to winning every challenge?

She turned to us when we saw that something was sticking out of the apex of the newly excavated triangle! It was a hilt! We dug all around and saw that there really is a sword buried under the tip of the triangular rock, and its blade was still sharp and shining! We had really found Madim, who had remained intact through the centuries.

However, who among us would have been able to handle it?

 

 


Seguendo il Cervo.

Respiravamo affannosamente attraversando la foresta. Nuvole di vapore bianco uscivano dalla nostra bocca. Un arco e le frecce sulle spalle, il ritmo incalzante dei nostri passi. Seguivamo la pista del Cervo, Signore del Bosco, camminando da giorni alla sua ricerca.

Avevamo interrogato le rune per sapere dove dirigerci. Dove si trovava Madim, la spada della Forza, l’arma che portava l’Antico Guerriero? La spada che avevano nascosto i Druidi nella foresta.

Le rune ci avevano risposto dicendo di cercare il luogo dove il Cervo Sacro riposa, laggiù, presso la Sorgente. Il Cervo Sacro, lo Spirito del Bosco, il Custode della Foresta. Nessuno lo aveva mai visto…

 

Sarah, lo aveva cercato in lungo e in largo nei suoi sogni. Una notte, mentre la foresta era illuminata dalla luce della Luna Piena, lo aveva finalmente scorto presso l’Abete Maestro. Il Cervo l’aveva fissata negli occhi un istante, e poi era scappato via.

Sarah lo aveva inseguito lungo il sentiero che costeggia la Rocca del Falco, percorrendo un cammino lungo e tortuoso, solo guidata dall’odore di muschio del Cervo. Man mano che le foglie degli alberi si facevano sempre più fitte, il profumo dello Spirito del Bosco, si faceva più intenso e l’orientava e le dava direzione.

Alla fine, si trovò di fronte ad un ostacolo che non riusciva ad oltrepassare: una grande roccia triangolare, dai lati perfettamente uguali, e dalla superficie liscia e levigata incuneata di indecifrabili simboli.

Il cervo si trovava oltre la roccia, lo sentiva. E la spada non poteva essere distante. L’ultima cosa udita prima di svegliarsi fu il suo bramito che le sembrò significare, cercami qui.

 

Cercammo a lungo l’Abete Maestro, Sarah provò a ricordare i passi compiuti durante il sogno, e poco a poco, lentamente, trovammo la strada. Il vento di tanto in tanto ci portava una impercettibile fragranza come di muschio selvatico. Sarah accelerava il passo dicendo “Di qua! Presto!”

Poi non ci fu più alcun sentiero, e il bosco diventò sempre più fitto, ci toccava inoltrarci tra le foglie dei rovi.

“Sarah, forse ci stiamo sbagliando… qui non c’è niente!”

“Dobbiamo andare avanti ragazzi, vi dico che è di qua, è come se sentissi di aver già percorso questi stessi passi. Quella pietra è qui da qualche parte.”

Poi, così come s’era fatto fitto, il bosco cominciò a diradarsi, e ci trovammo di fronte ad un torrente che scorreva impetuoso, cosparso di pietre lisce e colorate. Sarah esclamò:

“Presso la Sorgente, ragazzi, presso la sorgente! Dobbiamo risalire il torrente.”

Così, a piedi nudi dentro l’acqua, saltando da una pietra all’altra risalimmo il torrente, lungo rapide e laghetti d’acqua stagnante, e finalmente ci trovammo in un punto dove il torrente s’allargava e diventava un ampio lago. E lì oltre le fronde di un immenso castagno, si intravedeva una grande roccia triangolare. L’avevamo trovata!

Sulla superficie della pietra una lunga scritta, una sequenza di simboli che dicevano qualcosa come “È necessario arrivare fino in cima per capire che la strada era un’altra…”

Dov’era Madim? E perché il Cervo Sacro ci aveva indirizzato proprio a questa pietra? Quale legame aveva la pietra triangolare con la spada della Forza?

“Dobbiamo salirci in cima!” disse Sarah.

“E come? La pietra è liscia, e non abbiamo nessun appiglio.”

“Dobbiamo provare a percorrere i lati, credo che in cima alla pietra c’è qualcosa che il cervo ci ha voluto indicare.” Rispose Sarah. “Prendete la corda!”

Lanciammo la corda, legandola con un grosso sasso liscio, fino alla sommità della pietra triangolare, passando dietro il suo vertice, e facendola ricadere in basso fino ai nostri piedi. Così saremmo potuti arrivare fin lassù, issandoci con la corda.

Sarah disse “Okay, vediamo che c’è là sopra”.

E arrampicandosi fino in cima aggrappata alla corda, mentre noi la reggevamo dall’altro capo per sostenerla, Sarah arrivò fino in cima.

“Ragazzi, qui c’è un disegno! C’è il grande castagno, la pietra triangolare, il laghetto, e un’altra pietra triangolare con il vertice capovolto, con una spada disegnata sopra esattamente dall’altra parte del lago. Ma dall’altra parte del lago non si vedevano nient’altro che alberi.

“Aspettate!” disse Sarah. “E’ vero che dall’altra parte non ci sono altro che alberi, ma c’è una lunga fila di pini che hanno esattamente la stessa altezza. Dobbiamo provare a passare dall’altra parte e vedere cosa c’è la sotto.”

All’improvviso, proprio accanto a quei pini, un strano luccichio scintillò nell’aria, e si sentì come un bramito, di lontano.

Così, costeggiando l’altro versante del lago arrivammo fino alla lunga fila di pini e scoprimmo che crescevano accanto ad una linea di pietra liscia e bianca. Al di sopra della roccia solo una collinetta di morbido terriccio.

Forse ci eravamo sbagliati. La spada della Forza era lì, da qualche parte? Della pietra triangolare col vertice capovolto non sembrava esserci traccia. La nostra ricerca era ad un punto morto.

Sedendosi sopra la linea di pietra bianca, Sarah, si accorse che il terreno morbido, di terra tenera, veniva via facilmente, e pensò che forse la pietra triangolare non era disposta in verticale, come ci aspettavamo…

Cominciò a scavare al centro della linea di roccia bianca, e vide che la terra veniva via facilmente, lasciando intravedere un piano levigato. A quel punto ci disse di scavare tutt’intorno la linea di roccia, cominciando dai lati e vedemmo che sotto quello strato di terra si nascondeva una pietra triangolare di marmo, al centro della quale c’era il disegno di una spada, circondata da un serpente che, formando un cerchio, mangiava la sua stessa coda.

“E adesso?” pensò Sarah, “c’è solo il disegno di una spada qui”. Guardando più attentamente si accorse che la testa del serpente era leggermente rialzata rispetto al piano della pietra, così cominciò a tastarla, e illuminandosi un attimo come per un’intuizione, provò a girarla, e vide che veniva fuori dalla roccia un cilindro di pietra, al di sopra del quale stava questa iscrizione:

 

Non c’è spada di metallo

Che resista intatta alla prova del tempo.

Madim, la spada della Forza,

è la spada che affili ogni volta che accetti una prova

e che la persegui fino al suo compimento.

 

Questo è l’insegnamento:

Non vi è forza durevole raggiunta col cammino dell’ambizione

Il Guerriero sa che la Forza non è nell’elsa né nel metallo

Ma nella Mente che governa la spada.

La cui Forza si accresce cercandosi dentro.

 

Un insegnamento di saggezza. Ma allora non esisteva Madim? O forse Madim era solo un simbolo, il simbolo di una forza che si alimenta dal di dentro?

Sarah, pensava in cuor suo se la nostra ricerca fosse compiuta. E se poteva portare con sé quell’insegnamento. Cercandosi dentro. Pensava. Che fosse questa la chiave per vincere ogni sfida?

Si voltò verso di noi quando vedemmo che c’era qualcosa che spuntava dal vertice del triangolo appena scavato! Era un’elsa! Scavammo tutto intorno e vedemmo che c’èra veramente una spada sotterrata sotto la punta della roccia triangolare, e la sua lama era ancora affilata e splendente! Avevamo davvero trovato Madim, che attraverso i secoli era rimasta intatta.

Ma chi tra noi sarebbe stato capace di maneggiarla?

Credit Pictures Pixabay

Advertisements

One thought on “Following the Sacred Deer.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s